Servizio clienti 0564619468
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto

CURCUMA PLUS CON PEPERINA 90 CAPSULE (Vegan Ok)

21,90
1

  leggi le recensioni (1)

in offerta speciale
si
MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' EPATICA E DIGESTIVA, DETOSSINANTE, ANTIOSSIDANTE, ATTIVITA' ANTINIFIAMMATORIA, MIGLIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' ARTICOLARE, CONTRASTO DEI DISTURBI DEL CICLO MESTRUALE.​​​​​​​

Indicazioni:
Curcuma Plus Piperina risulta essere un presidio ad altissimo valore antiossidante, in grado di contrastare efficacemente l’azione dei radicali liberi e di migliorare la funzionalità detossinante dell’organo epatico e delle funzioni connesse. L’elevata presenza di curcuminoidi garantisce una buona protezione dell’organismo nei confronti di svariate tossine tra cui le nitrosammine e i derivati del fumo di tabacco. I costituenti attivi presenti nel prodotto sono in grado di attivare l’enzima glutatione  S- trasferasi,  che è in grado di aumentare la produzione di glutatione in vari tessuti.
Curcuma Plus Piperina è anche in grado di migliorare la funzione digestiva, stimolando le secrezioni biliari e aumentando la secrezione di muco gastroprotettivo, migliora il metabolismo lipidico avendo un impatto positivo nei confronti del colesterolo totale e dei trigliceridi. L’elevata presenza di curcuminoidi garantisce una buona protezione dell’organismo nei confronti di svariate tossine, tra cui le nitrosammine e i derivati del fumo di tabacco.
Curcuma plus ha una dimostrata efficacia nei confronti delle problematiche articolari dolorose, sia di tipo acuto che cronico. Curcuma plus Piperina è inoltre in grado di alleviare le problematiche correlate al ciclo mestruale.
 
Posologia e Modalità d'uso:
Uso orale per adulti. Assumere da 1 a 4 capsule al giorno, preferibilmente dopo i pasti principali.
​​​​​​​
Ingredienti per 4 cps (dose massima giornaliera):
 
Curcuma rizoma polvere (Curcuma Longa L.)                                              1118 mg
 
Curcuma (Curcuma Longa L.) e.s.                                                                132 mg
titolato al 95% in curcuminoidi                                                                       125,4 mg
                   
Pepe (Piper nigrum L.) frutto e.s.                                                                    43,5 mg                 
titolato al 70% in piperina                                                                                41,3 mg
 
Capsula di origine vegetale:
idrossipropilmetilcellulosa (Vegan Ok)
 
Conservanti e coloranti: Assenti
gli estratti sono adsorbiti su maltodestrine da mais (OGM free)
 
Attività:

Curcuma: il più conosciuto tra i componenti attivi di questa pianta è di sicuro la curcumina, ma anche in questo caso è da considerare l’attività sinergica dei vari costituenti del fitocomplesso, compresi i curcuminoidi; le attività principali sono quella colagoga, coleretica e antiinfiammatoria. L’estratto della pianta protegge dai danni epatici e migliora la funzionalità del fegato (Campanini, 2002). Molto interessante risulta essere l’attività positiva nei confronti della funzionalità articolare. Nell’infiammazione articolare acuta l’estratto di curcuma si è dimostrato efficace al pari di molti farmaci e poco meno del cortisone, utile anche se in misura minore per l’infiammazione cronica. Costituenti come la curcumina intervengono sulla cascata dell’acido arachidonico, inibendo la produzione di leucotrieni e, ad alte dosi, delle prostaglandine. L’azione è quindi rivolta verso la 5-lipossigenasi e le ciclossigenasi; il suddetto meccanismo di azione binario evita gli effetti collaterali tipici dei farmaci antiinfiammatori, tipo aspirina. Non si presentano infatti irritazioni a livello gastrico, vi è anzi un’azione di tipo protettivo sulla mucosa del tratto digerente. (Bettiol F., 2014). Recentemente è stato dimostrato anche un effetto benefico nei confronti dei disturbi mestruali. La scienza moderna sembra infatti aver dimostrato l’efficacia dell’estratto di curcuma anche in tali disturbi, attività questa già sfruttata da tempo nella medicina tradizionale cinese e nell’ayurveda. (Altern Med Rev. 2001). Alcuni studi su specie simili (C. aeruginosa) dimostrano il fatto che alcune piante dello stesso genere vegetale possiedono azione rilassante sulla muscolatura uterina (azione dimostrata su contrazione muscolare indotta da ossitocina). (Thaina P, 2009)

Pepe nero: L’alcaloide piperina, presente in alte percentuali nel frutto di questa pianta, risulta di vitale importanza nell'espressione dell'attività biologica della Curcuma. È stato infatti dimostrato scientificamente che il pepe nero agisce da “potenziatore di biodisponibilità” nei confronti di varie molecole (HK Han, 2011), una di queste è la curcumina. Infatti, la somministrazione combinata di piperina e curcumina porta ad un notevole aumento dell'assorbimento di quest'ultima, incrementandone la biodisponibilità fino a 20 volte rispetto alla somministrazione della singola curcumina. Nello specifico la piperina ha un effetto negativo sul metabolismo epatico e positivo sulla concentrazione sierica e sull'emivita della curcumina, condizionando in toto la sua farmacocinetica. Il Piper Nigrum L. risulta quindi fondamentale per sfruttare pienamente l’ azione farmacologica della curcuma, questo senza mostrare alcun effetto negativo (Shoba G. et Al., 1998). Anche al pepe nero sono  ascritte proprietà stimolanti la funzione digestiva (stimola positivamente gli enzimi pancreatici e riduce significativamente il transito gastrointestinale del cibo) ed antiossidanti (Srinivasan K., 2007).

Controindicazioni: Sensibilizzazione personale ai principi attivi contenuti nella pianta. Tenere fuori dalla portata dei bambini sotto i tre anni.
 
Caratteristiche microbiologiche: conformi alle normative vigenti.
 
Fonti: monografie di piante officinali, vol.1, Milano, 2002. Campanini E., Dizionario fitoterapico e piante medicinali, tecniche nuove, Settimo Milanese, 2002. Bettiol F., Nappini I., Nunziati E., Vademecum di erboristeria, kos edizioni, San Piero a ponti, 2014. Monografie ESCOP, Planta medica srl, Pistrino di citerna (PG), 2006. Thaina P1, Tungcharoen P, Wongnawa M, Reanmongkol W, Subhadhirasakul S. J Ethnopharmacol. 2009 Jan 30;121(3):433-43. doi: 10.1016/j.jep.2008.10.022. Epub 2008 Nov 5.Uterine relaxant effects of Curcuma aeruginosa Roxb. rhizome extracts. Altern Med Rev. 2001 Sep;6 Suppl:S62-6. Curcuma longa (turmeric) Monograph. Srinivasan K., Black pepper and its pungent principle-piperine: a review of diverse physiological effects. Shoba G., Joy D., Joseph T., Majeed M., Rajendran R., Srinivas PS., Influence of piperine on the pharmacokinetics of curcumin in animals and human volunteers, Plantamed, 1998. Han HK, The effects of black pepper on the intestinal adsorption and hepatic metabolism of drugs, Expert opinion ondrug metabolism and Toxicology, vol 7, 2011.

 
 
 
1

Chi ha acquistato questo ha acquistato anche..

Stop Vamp 60 Capsule (Disturbi della menopausa)
Recensioni
STOP VAMP 60 CAPSULE Vegan Ok, OGM free Indicazioni: StopVamp risulta utile per contrastare i disturbi della menopausa quali vampate e alterazioni del tono dell'umore Ingredienti: Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose massima giornaliera 2 cps Cimicifuga (2,5% in glicosidi triterpenici): 213 mg Luppolo ( 0,4% in rutoside): 205,9 mg Trifoglio (20% in isoflavoni): 213 mg Corrisp. a isoflavoni: 42,6 mg Griffonia ( 99% in L-5-idrossitriptofano): 71 mg Corrrisp. a 5-HTP: 70,3 mg Caratteristiche microbiologiche: conformi alle normative vigenti Posologia e modalità d'uso: Assumere 2 capsule al giorno, preferibilmente 1 dopo pranzo e 1 dopo cena Attività: Cimicifuga:  della Cimicifuga viene impiegato il rizoma i cui costituenti principali sono dei glicosidi triterpenici (acteina e cimicifugoside), un isoflavone (formononetina),acidi grassi, sali minerali ed oligoelementi. La Cimicifuga mostra un’azione estrogenica ed anti-LH (riduce i livelli ematici dell’ormone lutenizzante) tanto da essere impiegata in tutti quei disturbi correlati ad alterazioni dell’umore, vampate di calore e secchezza mucose vaginali. Studi clinici sperimentali, effettuati in  doppio cieco contro placebo, hanno evidenziato, nelle donne trattate, una diminuzione  netta delle turbe neurovegetative, psichiche e somatiche con effetti superiori al placebo. Tali effetti sono dovuti al sinergismo dei diversi componenti della pianta,  in quanto vi sono componenti che per la loro struttura molecolare molto simile agli estrogeni tendono a legarsi ai recettori estrogenici , e componenti che non legandosi ai recettori per gli estrogeni potrebbero acquistare proprietà estrogeniche dopo metabolizzazione o esercitare un effetto sulla secrezione di LH grazie all’intervento del Sistema Nervoso Centrale. ​​​​​​​ Luppolo: del Luppolo vengono impiegate le infiorescenze femminili i cui costituenti principali sono resine, olio essenziale, flavonoidi, sostanze minerali e tannini. L’azione estrogenica è stata attribuita alla componente flavonoidica, in particolar modo all’8-prenilnaringenina. Questo composto è affine ai recettori estrogenici con preferenza per gli ER-alfa. In uno studio condotto su venti donne affette da vampate di calore ed insufficienza ovarica a cui è stato somministrato dell’estratto secco di Luppolo si è visto che l’intensità e la frequenza delle vampate era notevolmente ridotto rispetto ad un gruppo trattato con placebo. Trifoglio: del Trifoglio vengono impiegate le foglie i cui costituenti principali sono gli isoflavoni, sostanze appartenenti alla famiglia dei fitoestrogeni . Gli isoflavoni si comportano da agonisti parziali nei confronti dei recettori estrogenici soprattutto i beta presenti a livello dell’apparato cardiovascolare e del tessuto osseo  ed in minor misura a livello delle ghiandole mammarie e nell’utero. Grazie a tale azione il Trifoglio risulta un utile rimedio nei confronti delle vampate di calore e nelle alterazioni dell’umore tipiche del climaterio; inoltre risulta utile nel contrastare l’aumento dei livelli serici di fosfatasi alcalina  e come conseguenza un ottimo rimedio nell’aumento del contenuto minerale osseo che nelle donne in menopausa a causa della riduzione degli estrogeni tende a perdersi. Griffonia: della Griffonia vengono impiegati i semi il cui composto principale è L-5-idrossitriptofano, sostanza aminoacidica precursore della serotonina, importante neurotrasmettitore nel Sistema Nervoso Centrale. Grazie a questo costituente la griffonia risulta utile nel mantenimento del tono dell’umore, e negli stati depressivi senza alterare il normale funzionamento del Sistema Nervoso Centrale.    Controindicazioni: Gravidanza ed allattamento  Bambini sotto i 10 anni Bibliografia: Bettiol F., Nappini I., Nunzianti E., Vademecum di erboristeria, Kos edizioni, 2014. Campanini E., Dizionario fitoterapico e piante medicinali, tecniche nuove, Settimo Milanese, 2002. ​​​​​​​ Capasso F., Grandolini G., Izzo A., Fitoterapia. Aggiornamento della II  Ed. di Fitofarmacia (Capasso, Grandolini), Springer, Milano.  
Aggiungi al carrello
Condividi  / 

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti ora alla nostra newsletter, per rimanere sempre aggiornato e ricevere promozioni esclusive

Iscrizione avvenuta con successo
Iscrizione già presente nel sistema
Indirizzo e-mail non valido, si prega di verificare i dati immessi e riprovare.