Servizio clienti 0564619468
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto

Stop Vamp 60 Capsule (Disturbi della menopausa)

21,90
1

  leggi le recensioni (6)

formato
60 pz
STOP VAMP 60 CAPSULE
Vegan Ok, OGM free

Indicazioni:

StopVamp risulta utile per contrastare i disturbi della menopausa quali vampate e alterazioni del tono dell'umore

Ingredienti:
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose massima giornaliera 2 cps

Cimicifuga (2,5% in glicosidi triterpenici): 213 mg

Luppolo ( 0,4% in rutoside): 205,9 mg

Trifoglio (20% in isoflavoni): 213 mg

Corrisp. a isoflavoni: 42,6 mg

Griffonia ( 99% in L-5-idrossitriptofano): 71 mg

Corrrisp. a 5-HTP: 70,3 mg

Caratteristiche microbiologiche: conformi alle normative vigenti

Posologia e modalità d'uso:
Assumere 2 capsule al giorno, preferibilmente 1 dopo pranzo e 1 dopo cena

Attività:
Cimicifuga
:  della Cimicifuga viene impiegato il rizoma i cui costituenti principali sono dei glicosidi triterpenici (acteina e cimicifugoside), un isoflavone (formononetina),acidi grassi, sali minerali ed oligoelementi. La Cimicifuga mostra un’azione estrogenica ed anti-LH (riduce i livelli ematici dell’ormone lutenizzante) tanto da essere impiegata in tutti quei disturbi correlati ad alterazioni dell’umore, vampate di calore e secchezza mucose vaginali. Studi clinici sperimentali, effettuati in  doppio cieco contro placebo, hanno evidenziato, nelle donne trattate, una diminuzione  netta delle turbe neurovegetative, psichiche e somatiche con effetti superiori al placebo. Tali effetti sono dovuti al sinergismo dei diversi componenti della pianta,  in quanto vi sono componenti che per la loro struttura molecolare molto simile agli estrogeni tendono a legarsi ai recettori estrogenici , e componenti che non legandosi ai recettori per gli estrogeni potrebbero acquistare proprietà estrogeniche dopo metabolizzazione o esercitare un effetto sulla secrezione di LH grazie all’intervento del Sistema Nervoso Centrale.
​​​​​​​

Luppolo: del Luppolo vengono impiegate le infiorescenze femminili i cui costituenti principali sono resine, olio essenziale, flavonoidi, sostanze minerali e tannini. L’azione estrogenica è stata attribuita alla componente flavonoidica, in particolar modo all’8-prenilnaringenina. Questo composto è affine ai recettori estrogenici con preferenza per gli ER-alfa. In uno studio condotto su venti donne affette da vampate di calore ed insufficienza ovarica a cui è stato somministrato dell’estratto secco di Luppolo si è visto che l’intensità e la frequenza delle vampate era notevolmente ridotto rispetto ad un gruppo trattato con placebo.

Trifoglio: del Trifoglio vengono impiegate le foglie i cui costituenti principali sono gli isoflavoni, sostanze appartenenti alla famiglia dei fitoestrogeni . Gli isoflavoni si comportano da agonisti parziali nei confronti dei recettori estrogenici soprattutto i beta presenti a livello dell’apparato cardiovascolare e del tessuto osseo  ed in minor misura a livello delle ghiandole mammarie e nell’utero. Grazie a tale azione il Trifoglio risulta un utile rimedio nei confronti delle vampate di calore e nelle alterazioni dell’umore tipiche del climaterio; inoltre risulta utile nel contrastare l’aumento dei livelli serici di fosfatasi alcalina  e come conseguenza un ottimo rimedio nell’aumento del contenuto minerale osseo che nelle donne in menopausa a causa della riduzione degli estrogeni tende a perdersi.

Griffonia: della Griffonia vengono impiegati i semi il cui composto principale è L-5-idrossitriptofano, sostanza aminoacidica precursore della serotonina, importante neurotrasmettitore nel Sistema Nervoso Centrale. Grazie a questo costituente la griffonia risulta utile nel mantenimento del tono dell’umore, e negli stati depressivi senza alterare il normale funzionamento del Sistema Nervoso Centrale.   

Controindicazioni:
Gravidanza ed allattamento 
Bambini sotto i 10 anni

Bibliografia:
Bettiol F., Nappini I., Nunzianti E., Vademecum di erboristeria, Kos edizioni, 2014.

Campanini E., Dizionario fitoterapico e piante medicinali, tecniche nuove, Settimo Milanese, 2002.
​​​​​​​
Capasso F., Grandolini G., Izzo A., Fitoterapia. Aggiornamento della II  Ed. di Fitofarmacia (Capasso, Grandolini), Springer, Milano.
 
1

Chi ha acquistato questo ha acquistato anche..

ANTIOSSIDANTE 90 CAPSULE (Vegan ok) Contro i radicali liberi
Recensioni
ANTIOSSIDANTE 90 CAPSULE ​​​​​​​Riduce l’attività dannosa dei Radicali Liberi. Con Melograno, Aloe, Mirtillo, Goji e Rosa canina Vegan ok Senza conservanti e coloranti Indicazioni: Antiossidante è in grado di promuovere un’efficace attività antiossidante, prevenendo la formazione e l’azione dannosa dei radicali liberi; protegge il nostro organismo da sostanze inquinanti che possono portare a reazioni dannose a livello cellulare. La presenza di piante come la Vite rossa e il Mirtillo nero dà garanzia di protezione e miglioramento del microcircolo e del sistema venoso.   Posologia e Modalità d'uso: Uso orale per adulti. 1-3 capsule al giorno Ingredienti: Mirtillo e.s.                                        Rosa canina frutto e.s.                     Goji frutto e.s.                                   Melograno frutto e.s.                      Aloe vera gel polvere                             Attività: Melograno: l’estratto di Melograno si è dimostrato efficace nel trattamento dello stress ossidativo e del danno epatocellulare indotto con diethylnitrosamine nel ratto (Kumar AK, 2015). Il frutto del Melograno ha evidenziato elevate proprietà antiossidanti e antibatteriche. Goji: il frutto è ricchissimo in vitamina C e in minerali quali lo zinco. La pianta risulta ricchissima in polifenoli e in particolare in flavonoidi, componenti che com'è noto stimolano le capacità antiossidante del nostro organismo e aumentano la resistenza del nostro sistema immunitario. Il frutto incorpora un’ottima miscela antiossidante, ad ampio spettro, costituisce infatti un efficace aiuto per il buon funzionamento del sistema immunitario. Svolge un’azione tonica e energizzante sull’organismo. Al momento il Goji sembra avere un grande potenziale in ambito fitoterapico, sono ormai numerosi i gruppi di studio che stanno lavorando su questa interessantissima pianta. Aloe: il succo di Aloe è ricco in flavonoidi, flavoni, isoflavoni, sostanze fenoliche e acidi organici, tali sostanze concorrono sinergizzando all’azione antiossidante e anti radicalica testata con DPPH test in vitro e in vivo. (Lucini L, 2015) Mirtillo: L'alta percentuale di Antocianosidi dell'estratto di mirtillo ne determina la spiccata attività angioprotettrice ed antiedematosa. Sempre gli stessi costituenti sono responsabili delle attività migliorative sulla microcircolazione, vasoprotettrici e normalizzanti sulla permeazione capillare. L'estratto di mirtillo è in grado di ridurre la liberazione di agenti proinfiammatori , stimolare la biosintesi di collagene e mucopolisaccaridi (effetto benefico sui capillari sanguigni). Gli antociani dell'estratto sono in grado di proteggere le pareti vasali dai danni indotti da alimentazione iperlipidica, inoltre riescono a proteggere il collagene dall'attività proteolitica indotta dagli agenti ossidanti. In oftalmologia l'estratto di mirtillo viene impiegato per il trattamento di retinopatie e miopie, in quanto è stato evidenziato che gli antocianosidi del mirtillo agiscono sugli enzimi retinici, in particolare sulla lattato-deidrogenasi ed aumentano la velocità di rigenerazione dei pigmenti retinici migliorando così la qualità della visione. Rosa canina: si tratta di una pianta nota per la ricchezza in vitamina C (circa 39 mg/kg), sostanze antiossidanti di natura polifenolica come quercetina e acido ellagico, flavonoidi (circa 451 µg/kg) e acidi organici (504 µg/kg) (Tumbas VT, 2011). Studi in vitro e studi in vivo hanno dimostrato che l’estratto di Rosa canina possiede elevate proprietà antiossidanti e antiinfiammatorie (Lattanzio F, 2011) Controindicazioni: Tenere fuori dalla portata dei bambini sotto i 3 anni. Caratteristiche microbiologiche: conformi alle normative vigenti. ​​​​​​​ Bibliografia: OMS: monografie di piante officinali, vol.1, Milano, 2002. Campanini E., Dizionario fitoterapico e piante medicinali, tecniche nuove, Settimo Milanese, 2002. Monografie ESCOP, Planta medica srl, Pistrino di citerna (PG), 2006 Effect of rosehip (Rosa canina L.) phytochemicals on stable free radicals and human cancer cells. Tumbas VT1, Canadanović-Brunet JM, Cetojević-Simin DD, Cetković GS, Ethilas SM, Gille L. J Ethnopharmacol. 2011 Sep 1;137(1):880-5. doi: 10.1016/j.jep.2011.07.006. Epub 2011 Jul 13. In vivo anti-inflammatory effect of Rosa canina L. extract. Lattanzio F1, Greco E, Carretta D, Cervellati R, Govoni P, Speroni E.
Aggiungi al carrello
Condividi  / 

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti ora alla nostra newsletter, per rimanere sempre aggiornato e ricevere promozioni esclusive

Iscrizione avvenuta con successo
Iscrizione già presente nel sistema
Indirizzo e-mail non valido, si prega di verificare i dati immessi e riprovare.